cookies

03-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Salute renale: dialogo difficile tra paziente e medico

Molti pazienti possono non comprendere termini quali “nefropatia terminale”, il che aiuta a comprendere il loro stress o anche i traumi che si verificano nel discutere della salute renale con il medico.

Questa conclusione deriva da un focus group tenuto con 54 pazienti e 13 medici di famiglia. Come affermato da Allison Tong dell’Università di Sydney, a capo del progetto, è noto che i termini usati per descrivere la salute renale sono poco costanti, difficili da comprendere e concettualizzati diversamente da medici e pazienti, ma molto poco è noto sul modo in cui i pazienti definiscono ed interpretano questi termini ed il loro impatto.

Lo studio dimostra che una comunicazione inefficace può provocare e causare profondi traumi, disperazione e frustrazione per i pazienti con nefropatie croniche e le loro famiglie, ed essi possono rimanere silenti, irrisolti e sottoriportati.

Ciò potrebbe compromettere la capacità del paziente di accettare e gestire la propria patologia e di prendere decisioni riguardanti l’assistenza.

I medici hanno bisogno che i pazienti siano coinvolti in modo da gestore la nefropatia. Come affermato da alcuni esperti, senza conoscere il paziente e le sue aspirazioni prima di parlare non è possibile sapere se con le proprie parole instillino ottimismo e sicurezza o se abbiano gettato il paziente nello sconcerto che porta a rassegnazione, mancanza di coinvolgimento assistenziale e mancanza di compliance o fatalismo, con gravi conseguenze per il carico che ricade sul personale assistenziale e sui membri della famiglia. 

Fonte: CIASN online 2020

IT-NON-02537-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science