cookies

30-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

La gerarchia delle cellule di glioblastoma

I tumori cerebrali sono spesso particolarmente resistenti alle terapie, anche perché in essi sono presenti diversi tipi di cellule. Uno studio pubblicato dalla rivista Nature mostra come le cellule di glioblastoma derivino da delle staminali tumorali, che potrebbero essere prese di mira nello sviluppo di nuovi trattamenti. 

“I glioblastomi contengono tutte le cellule presenti in un cervello in via di sviluppo, tra cui le cellule staminali tumorali che si dividono attivamente e danno origine a tutte le altre – dice Kevin Petrecca, neurochirurgo e ricercatore del Montreal Neurological Institute and Hospital, autore senior dello studio - queste ultime piano piano perdono il loro potenziale di cellule staminali e smettono di dividersi. Sembra che proprio le staminali siano i motori del tumore al cervello.”

“Le cellule tumorali progenitrici sono meno sensibili alla chemioterapia standard – continua Petrecca - abbiamo identificato una serie di pathway cellulari che possono diventare dei target terapeutici e ne abbiamo testato uno, come prova. In effetti bloccare quel target si è rivelato molto efficace nell'uccidere e inibire la divisione nelle cellule tumorali progenitrici. Tutto questo fatto fornisce indicazioni sulla natura del glioblastoma e sulla sua origine. Il tumore probabilmente proviene da una cellula staminale cerebrale che ha la capacità di creare altri tipi di cellule cerebrali. Man mano che questa cellula diventa cancerosa - una cellula staminale cancerosa - mantiene la sua capacità di generare altre cellule cerebrali che sono, a loro volta, tumorali. Questa scoperta mostra un livello di organizzazione all'interno del tumore che probabilmente non riguarda solo il glioblastoma. Riteniamo che organizzazioni simili caratterizzino molte forme di cancro”.

Fonte: Nature

IT-NON-02735-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science