cookies

30-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Artrite reumatoide: prevenzione del rischio cardiovascolare

I pazienti con artrite reumatoide sono ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari (Cvd). L'infiammazione ha un ruolo fondamentale nella patogenesi delle malattie cardiovascolari. L'artrite reumatoide è una malattia infiammatoria articolare e, rispetto alla popolazione generale, i pazienti che ne soffrono hanno circa il doppio del rischio di aterosclerosi, ictus, insufficienza cardiaca e fibrillazione atriale.

Sebbene questo elevato rischio sia noto da decenni, i pazienti con artrite reumatoide ricevono cure preventive primarie e secondarie per Cvd più scarse rispetto ad altri pazienti ad alto rischio.

Una recente revisione degli studi raccoglie le prove delle malattie cardiovascolari aterosclerotiche nei pazienti con artrite reumatoide e fornisce un'analisi di ciò che è noto e di ciò che deve essere ulteriormente chiarito in merito alle raccomandazioni per la prevenzione della Cvd nei pazienti con artrite reumatoide rispetto alla popolazione generale.

Vengono discussi la gestione dei fattori di rischio Cvd tradizionali, inclusi pressione sanguigna, lipidi, diabete mellito e fattori di rischio legati allo stile di vita, nonché gli effetti dell'infiammazione e l'uso di farmaci antireumatici sul rischio Cvd e la gestione del rischio nei pazienti con artrite reumatoide.

L'obiettivo principale è fornire una tabella di marcia per la gestione e la prevenzione del rischio di Cvd aterosclerotica nei pazienti con artrite reumatoide.

Fonte: Nature Reviews Rheumatology

IT-NON-02736-W-07/2022

 

Le ultime notizie

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Danni renali critici: dialisi precoce non migliora gli esiti

I pazienti critici con gravi nefropatie acute sottoposti a dialisi appena possibile dopo il riscontro dei criteri di candidatura non vanno incontro ad alcuna riduzione del rischio di mortalità a 90 giorni rispetto ai pazienti in cui la dialisi è scoraggiata, come emerge dallo studio STARRT-AKI, che ha coinvolto 168 ospedali di 15 nazioni.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Differenze fra creatinina e cistatina C nell’eGFR

La differenza nella funzionalità renale definita in base alla creatinina o alla cistatina C potrebbe essere usata per predire la fragilità ed altri esiti negativi negli anziani. E' quanto emerge da un’indagine condotta su più di 9000 soggetti ipertesi.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Nefropatie croniche, BMD e fattori di rischio modificabili

Nei pazienti con nefropatie croniche non in dialisi alcuni fattori di rischio modificabili, fra cui l’attività fisica ed un elevato rapporto sodio/potassio nella dieta, sono associati ad esiti renali negativi. Lo suggerisce un’analisi dei dati dello studio KNOW/CKD, condotta dalll’Università Sungkyunkwan di Seoul, secondo cui anche la BMD è associata ad un incremento delle nefropatie terminali incidenti.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Cuffia dei rotatori: reflusso influenza rigidità articolare

Uno studio retrospettivo ha messo in evidenza come la rigidità articolare successiva all'intervento a carico della cuffia dei rotatori sia significativamente associato a reflusso gastoesofageo.

By Popular Science

31-07-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tasso infettivo molto elevato nelle laparoscopie ginecologiche

Uno studio israeliano, condotto su 661 pazienti sottoposte a laparoscopia ginecologica, ha riscontrato un tasso di infezione del sito chirurgico pari a un intervento su sei.

By Popular Science