cookies

14-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

I virus corrono sui telefoni degli studenti delle professioni sanitarie

(Reuters Health) – I telefoni cellulari potrebbero essere una fonte non riconosciuta di trasmissione virale, anche del SARS-CoV-2. A suggerirlo è uno studio italiano. guidato da Gian Loreto D’Alò, dell’Università Tor Vergata di Roma e pubblicato da Travel Medicine and Infectious Disease.
 
I ricercatori hanno intervistato studenti delle professioni sanitarie che svolgono a Roma i loro tirocini formativi in reparto. I dati sono stati raccolti nell’anno accademico 2018-2019.
 
101 studenti su 108, pari al 93%, hanno riferito di aver usato lo smartphone durante il tirocinio; solo 16 su 108 hanno dichiarato di aver indossato i guanti per parlare al telefono e solo due su 16 hanno riferito di averli cambiati a questo scopo.
 
Nell’anno accademico successivo, 2018-2020, i ricercatori hanno intervistato un altro gruppo di studenti. Degli 83 intervistati, l’89% ha dichiarato di aver usato lo smartphone nel corso della formazione in reparto, 10 hanno riferito di aver usato i guanti e nove di aver cambiato i guanti.
 
“Nel nostro lavoro abbiamo osservato che, su 108 studenti di professioni sanitarie, quasi tutti, il 93%, usavano il telefonino in reparto, ma solo l’11% di questi, che lo faceva indossando guanti, ha dichiarato di averli cambiati”, sottolinea D’Alò. “Nel nostro campione, solo il 3% ha dichiarato di pulire quotidianamente le superfici dei telefonini”.
 
“Queste abitudini potrebbero ridurre o annullare l’effetto delle procedure di igienizzazione delle mani, perché le mani, anche se precedentemente decontaminate, possono tornare a esserlo a causa dei microrganismi presenti sul dispositivo”, scrivono D’Alò e colleghi.
 
Tutto questo è particolarmente importante nell’era COVID-19, tanto che le compagnie telefoniche hanno rilasciato linee guida su come disinfettare correttamente i telefoni. Gli stessi autori suggeriscono che per igienizzare i telefoni basta usare salviette a base di alcool o spray contenenti almeno il 70% di alcool.
 
Fonte: Travel Medicine and Infectious Disease

IT-NON-02846-W-09/2022

 

Le ultime notizie

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

Secondo nuovi risultati provenienti dal Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca  non è significativamente superiore rispetto alle controparti.

By Reuters Health News

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto emerge da uno studio della Technical University di Monaco, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e si recano dal dentista. E' quanto emerge da un'analisi condotta dall'OMS

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carie: valutazione dell’attività in base all’attività della lesione

Uno studio condotto su un campione di adolescenti brasiliani ha permesso di definire il profilo di attività della carie sulla base delle caratteristiche della lesione.

By Popular Science