cookies

15-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Machine Learning per prevedere rischio in pazienti con carcinoma orale

L’analisi dei dati clinici e genetici dei pazienti con cancro orale dopo un’operazione può permettere di distinguere i soggetti ad alto rischio dai soggetti a basso rischio in termini di sopravvivenza e sopravvivenza libera da recidiva. È quanto dimostra uno studio condotto a Taiwan e pubblicato dalla rivista JAMA.

L'attuale trattamento postoperatorio del carcinoma orale a cellule squamose è spesso una combinazione di chemioterapia e radioterapia. “Una delle sfide per un medico è trovare l’equilibrio tra la risposta al trattamento e l'intolleranza del paziente alla terapia”, scrivono gli autori. “Inoltre, l'eterogeneità tra i pazienti con carcinoma orale avanzato complica la pianificazione del trattamento e la decisione sul trattamento viene raggiunta dopo la discussione tra pazienti e medici”.

Per questa ragione è importante riuscire ad operare una stratificazione del rischio per i pazienti affetti da questo tipo di cancro, al fine di sottoporre i soggetti a basso rischio a trattamenti meno aggressivi e gestire al meglio le risorse sanitarie.

Lo studio di coorte, prognostico, ha arruolato 344 individui con carcinoma orale a cellule squamose al III o IV stadio i cui dati, provenienti da un unico centro, sono stati raccolti tra il 1996 e il 2011. I ricercatori hanno preso in considerazione dati clinico-patologici e 44 profili di varianti geniche correlate al cancro.

Il modello predittivo di Machine Learning usato ha permesso di valutare la sopravvivenza specifica per cancro, la sopravvivenza libera da metastasi a distanza e la sopravvivenza libera da recidiva loco-regionale.

“Questo algoritmo”, concludono gli autori, “potrebbe essere utilizzato, tramite un calcolatore online, per fornire ulteriori informazioni personalizzate per la gestione postoperatoria dei pazienti con carcinoma orale a cellule squamose avanzato”.

Fonte: JAMA

IT-NON-02855-W-09/2022

 

Le ultime notizie

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

Secondo nuovi risultati provenienti dal Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca  non è significativamente superiore rispetto alle controparti.

By Reuters Health News

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto emerge da uno studio della Technical University di Monaco, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e si recano dal dentista. E' quanto emerge da un'analisi condotta dall'OMS

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carie: valutazione dell’attività in base all’attività della lesione

Uno studio condotto su un campione di adolescenti brasiliani ha permesso di definire il profilo di attività della carie sulla base delle caratteristiche della lesione.

By Popular Science