cookies

15-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Bronchiti da bimbi, asma e polmonite da adulti

(Reuters Health) – I bambini che hanno avuto almeno una bronchite prima dei sette anni, da adulti sono esposti a un maggior rischio di sviluppare patologie come asma e polmonite. È quanto emerge da uno studio australiano presentato recentemente al Congresso virtuale della European Respiratory Society.

I nostri risultati rafforzano le evidenze che la pneumopatia in età adulta può avere origine nella prima infanzia e che la bronchite da bimbi può influire negativamente sulla salute polmonare nelle persone di mezza età”, dice Jennifer Perret dell’Università di Melbourne, autrice principale dello studio.

Perret e il suo team hanno analizzato l’associazione tra bronchite da bambini e problemi polmonari in adulti di mezza età partecipanti al Tasmanian Longitudinal Health Study, che ha seguito oltre 8.500 persone nate in Tasmania nel 1961.

Quando sono entrate nello studio, quasi sessant’anni fa, è stata valutata la loro funzionalità polmonare e i loro genitori hanno fornito informazioni sul fatto che i figli avessero sofferto o meno di asma o bronchite prima del settimo compleanno. I partecipanti sono stati seguiti per una media di 46 anni.

I ricercatori hanno poi diviso i 3.085 eletti allo studio in quattro gruppi, in base alla segnalazione o meno di bronchite da parte dei genitori:
- assenza di bronchite (n=1,616, 53%)
- bronchite non ricorrente, con un numero di episodi compreso tra uno e cinque, durati meno di un mese (n=873, 28%)
- bronchite ricorrente, con almeno sei episodi di durata inferiore a un mese (n=555, 18%)
- bronchite ricorrente protratta, con sei o più episodi della durata minima di un mese (n=41, 1,3%)

Rispetto al gruppo di riferimento dell’”assenza di bronchite prima dei sette anni”, le persone con episodi non ricorrenti, ricorrenti o ricorrenti protratti di bronchite da bambini presentavano rispettivamente un rischio di 1,4 volte, 2 volte e 3,2 volte più elevato di polmonite entro un’età media di 53 anni. Inoltre, avevano un rischio 1,3 volte, 2,7 volte e 6,4 volte superiore di soffrire di asma.

Circa 14 soggetti ogni 100 nel gruppo di riferimento hanno ricevuto diagnosi di polmonite entro la mezza età, rispetto ai 19,25 e 35 ogni 100 nei gruppi della bronchite non ricorrente, ricorrente o ricorrente protratta.

Nel gruppo di riferimento, 19 partecipanti ogni 100 hanno ricevuto diagnosi di asma nella mezza età, rispetto ai 33, 50 e 70 ogni 100 nei gruppi non ricorrente, ricorrente o ricorrente protratta.

“Le associazioni con asma e polmonite erano più forti con l’aumentare della gravità della bronchite da bambini”, sottolinea Perret. “Tuttavia, non è emerso nessun legame statisticamente significativo tra bronchite da piccoli e bronchite cronica nelle persone di mezza età. Un risultato inaspettato; un ulteriore studio potrebbe fornire maggiori informazioni”.

Fonte: European Respiratory Society Virtual International Congress 2020

IT-NON-02857-W-09/2022

 

Le ultime notizie

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

Secondo nuovi risultati provenienti dal Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca  non è significativamente superiore rispetto alle controparti.

By Reuters Health News

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto emerge da uno studio della Technical University di Monaco, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e si recano dal dentista. E' quanto emerge da un'analisi condotta dall'OMS

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carie: valutazione dell’attività in base all’attività della lesione

Uno studio condotto su un campione di adolescenti brasiliani ha permesso di definire il profilo di attività della carie sulla base delle caratteristiche della lesione.

By Popular Science