cookies

16-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Efficacia psicologia da remoto in Paesi a medio e basso reddito

Nei contesti in cui l’assistenza psicologica è ridotta, può risultare efficace l’uso di interventi psicologici a distanza, basati sulla tecnologia digitale. È quanto suggerisce una meta-analisi pubblicata da The Lancet Psychiatry, in cui gli autori hanno analizzato questa opportunità nei Paesi a basso e medio reddito. 

Questi Paesi, notano gli autori, sono molto più colpiti da i disturbi di salute mentale rispetto alle zone ad alto reddito, fondamentalmente perché i trattamenti non sono ampiamente disponibili per la popolazione. “Un'analisi pubblicata nel 2016”, scrivono, “ha stimato che il 79-93% delle persone con depressione e l'85-95% delle persone con ansia nei Paesi a medio e basso reddito, non viene trattato”.

I ricercatori hanno analizzato gli articoli randomizzati, controllati, che sono stati pubblicati riguardo agli interventi di psicologia digitale su pazienti affetti da depressione o che facevano abuso di sostanze. 

Ne hanno selezionati 22, per un totale di 4.104 partecipanti (2.351 avevano ricevuto un intervento psicologico digitale e 1.753 facevano parte del gruppo di controllo). Si sono concentrati prevalentemente su giovani adulti (tra i 20 e i 35 anni) e hanno valutato il tipo di supporto digitale usato, il numero di sessioni, il tipo di terapia erogata e la durata del follow-up, prima di contattare gli autori degli studi per ottenere ulteriori dati e valutare l’efficacia dell’intervento. 

Ne è emerso che gli interventi psicologici digitali, intesi come interventi di supporto psicologico erogati a distanza tramite un telefono o un computer, sono moderatamente efficaci.

I risultati dei diversi studi analizzati però erano molto eterogenei, il che, come precisano gli autori stessi, mette in luce la necessità di condurre ulteriori studi.

Fonte: The Lancet Psychiatry

 

Le ultime notizie

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

Secondo nuovi risultati provenienti dal Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca  non è significativamente superiore rispetto alle controparti.

By Reuters Health News

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto emerge da uno studio della Technical University di Monaco, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e si recano dal dentista. E' quanto emerge da un'analisi condotta dall'OMS

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carie: valutazione dell’attività in base all’attività della lesione

Uno studio condotto su un campione di adolescenti brasiliani ha permesso di definire il profilo di attività della carie sulla base delle caratteristiche della lesione.

By Popular Science