cookies

16-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

L’esposizione al cadmio del nascituro legata ad asma e allergie

I bambini nati con livelli più alti di cadmio nel sangue del cordone ombelicale possono avere maggiori probabilità di sviluppare asma e allergie infantili. E' quanto emerge da una ricerca presentata al Congresso Internazionale della European Respiratory Society, che quest’anno si è tenuto in modalità virtuale.

Il cadmio è noto per essere pericoloso per la salute umana e il suo uso è limitato nell'Unione Europea, ma è stato ampiamente utilizzato, per esempio nelle batterie, nei pigmenti e come rivestimento per altri metalli. È presente anche nel tabacco e può entrare nell'organismo anche attraverso il fumo passivo.

Per indagare i livelli di alcuni metalli pesanti a cui i bambini sono esposti nel grembo materno e capire l'impatto che questo può avere sul loro sviluppo e sulla loro salute futura, i ricercatori hanno coinvolto 706 donne e i loro figli. 

Gli esperti hanno misurato le quantità di tre diversi metalli pesanti – cadmio, manganese e piombo – nel sangue delle donne durante la gravidanza e in quello prelevato dai cordoni ombelicali dei loro bambini, seguendo questi ultimi fino all'età di otto anni e registrando se qualcuno di loro sviluppava asma, rinite allergica, eczema o allergie alimentari. Sono stati considerati anche fattori noti per influenzare queste condizioni, come l'anamnesi familiare dei bambini e se i loro genitori fumavano.

I ricercatori hanno trovato una media di 0,8 microgrammi di cadmio per litro (μg/L) nel sangue delle madri e una media di 0,5 μg/L nel sangue del cordone ombelicale.

I risultati suggeriscono che livelli più alti di cadmio trovati nel sangue del cordone ombelicale dei neonati (sopra 0,7 μg/L) sono collegati a un possibile aumento del rischio di asma di circa il 24%, rispetto ai livelli più bassi (sotto 0,3 μg/L), e un probabile aumento del rischio di allergie alimentari di circa il 44%. Livelli più alti di manganese nel sangue delle madri (superiori a 1,1 μg/L) sono stati legati ad un possibile aumento del rischio di eczema (un noto fattore di rischio per lo sviluppo dell'asma), rispetto ai livelli più bassi (inferiori a 0,5 μg/L).

Lo studio suggerisce quindi che l'esposizione al cadmio nell'utero potrebbe avere un ruolo nell'aumentare il rischio di asma e allergie nei bambini.

Fonte: Congresso Internazionale della European Respiratory Society

IT-NON-02864-W-09/2022

 

Le ultime notizie

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

Secondo nuovi risultati provenienti dal Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca  non è significativamente superiore rispetto alle controparti.

By Reuters Health News

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto emerge da uno studio della Technical University di Monaco, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania.

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e si recano dal dentista. E' quanto emerge da un'analisi condotta dall'OMS

By Popular Science

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Carie: valutazione dell’attività in base all’attività della lesione

Uno studio condotto su un campione di adolescenti brasiliani ha permesso di definire il profilo di attività della carie sulla base delle caratteristiche della lesione.

By Popular Science