cookies

17-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Con la celiachia rischio più alto di fratture osteoporotiche maggiori

(Reuters Health) – Secondo uno studio canadese pubblicato da Osteoporosis International, la celiachia si associa a fratture osteoporotiche maggiori indipendentemente dal punteggio ottenuto con lo strumento di valutazione del rischio di frattura (FRAX).

Lo studio
I ricercatori – guidati da Donald Duerksen, professore associato di Medicina all’Università di Manitoba di Winnipeg - hanno esaminato i dati del Manitoba Bone Mineral Density Registry per calcolare il rischio a 10 anni di fratture osteoporotiche maggiori in 693 individui con celiachia - seguiti per una media di 7,0 anni - e in 68.037 soggetti della popolazione generale, seguiti per una media di 7,1 anni.

Durante lo studio, la percentuale di persone in ogni coorte che ha riportato una o più fratture osteoporotiche maggiori è stata la stessa, l’8,4%, anche se il gruppo con celiachia era rappresentato da persone più giovani e aveva una maggiore presenza di uomini.

Nella popolazione generale è stata osservata una buona corrispondenza tra la probabilità di fratture osteoporotiche maggiori a 10 anni prevista dal FRAX e quella riscontrata clinicamente. Invece, nei pazienti celiaci le probabilità di fratture previste e osservate non corrispondevano, a meno che non si considerasse la celiachia come un fattore di rischio secondario per l’osteoporosi: il FRAX aveva sottostimato il rischio di fratture maggiori a 10 anni dei pazienti celiaci (7,4% previsto vs 10,8% osservato).

L’adozione della BMD del collo del femore ha migliorato la capacità del FRAX di predire fratture nel gruppo con celiachia.

Tra le persone celiache, inoltre, ciascun aumento di una deviazione standard nel punteggio FRAX si associava a un aumento del rischio di fratture osteoporotiche maggiori, calcolate con osteoporosi secondaria (HR 1,66) o densità minerale ossea (HR, 1,80).

Fonte: Osteoporosis International

IT-NON-02874-W-09/2022

 

Le ultime notizie

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore del seno: da analisi geni DRG prognosi a tre e cinque anni

Un gruppo di ricercatori cinesi ha identificato otto geni correlati alla riparazione del Dna in grado di prevedere a tre e cinque anni la sopravvivenza nelle donne con tumore del seno

By Reuters Health News

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D e integrazione di calcio nel cancro alla pelle non melanoma

Secondo quanto suggerisce un recente studio. l'integrazione alimentare con il solo calcio o in combinazione con la vitamina D ridurrebbe il rischio di carcinoma cutaneo squamocellulare invasivo (Scc) ma non di carcinoma basocellulare (Bcc),

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Un nuovo marcatore promettente nella lotta contro il melanoma

Uno studio ha fatto emergere come i pazienti con alti livelli di Dna tumorale circolante (ctDna), un importante indicatore del cancro nel sangue, possano potenzialmente beneficiare di un trattamento più aggressivo come prima linea di difesa contro il melanoma.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia: la MMR parametro per prevedere la sopravvivenza

Una meta-analisi, pubblicata dalla rivista JAMA Oncology, mostra che nella leucemia mieloide acuta la presenza di malattia minima residua è correlata a una minore sopravvivenza libera da malattia e a una minore sopravvivenza globale.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica e sonno nei pazienti con artrite

Un nuovo studio ha esaminato i modelli di attività fisica 24 ore su 24 e il sonno tra i pazienti con artrite reumatoide, lupus e osteoartrite del ginocchio. Sono emersi quattro profili con differenze caratterizzate dal tempo trascorso a dormire.

By Popular Science