cookies

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Come mai i pazienti vanno dai dentisti? Uno studio dell’OMS

Le dimensioni che compongono la qualità della vita correlata alla salute, ossia funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale, rappresentano la principale area nella quale i pazienti subiscono l’impatto delle patologie orali e degli interventi odontoiatrici. 

E' stato dunque condotto uno studio allo scopo di accertare se le motivazioni dei pazienti odontoiatrici per ricercare l’assistenza del dentista rientrino in queste quattro dimensioni.

Sono stati interpellati 1.580 odontoiatri di 32 nazioni. Ogni 100 pazienti odontoiatrici con problemi di salute orale in corso, 96 presentavano problemi correlati ai denti, alla bocca, alla funzionalità mandibolare, al dolore, all’aspetto esteriore o all’impatto psicosociale.

Ogni 100 pazienti odontoiatrici che desideravano prevenire problemi futuri per la salute orale, 92 desideravano prevenire problemi correlati con queste 4 dimensioni della qualità della vita correlata alla salute orale.

Entrambi i numeri salivano a 98 su 100 dopo che un team di esperti ha esaminato le spiegazioni dei dentisti sul motivo per cui alcuni problemi di salute orale non sarebbero rientrati nelle 4 dimensioni.

Per i restanti 2 pazienti su 100, nessuna delle spiegazioni riportate dagli odontoiatri ha suggerito evidenze contro le suddette 4 dimensioni in termini di concetti che catturassero la sofferenza del paziente odontoiatrico.

Funzionalità orale, dolore orofacciale, aspetto orofacciale ed impatto psicosociale dunque riescono a catturare i problemi di salute orale dei pazienti odontoiatrici in tutto il mondo. Queste 4 dimensioni offrono un’impalcatura psicometricamente valida e pratica per l’assistenza al paziente e la ricerca, identificando ciò che è realmente importante per il paziente odontoiatrico. 

Fonte: J Evid Based Dent Pract 2020
 
 

Le ultime notizie

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore del seno: da analisi geni DRG prognosi a tre e cinque anni

Un gruppo di ricercatori cinesi ha identificato otto geni correlati alla riparazione del Dna in grado di prevedere a tre e cinque anni la sopravvivenza nelle donne con tumore del seno

By Reuters Health News

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D e integrazione di calcio nel cancro alla pelle non melanoma

Secondo quanto suggerisce un recente studio. l'integrazione alimentare con il solo calcio o in combinazione con la vitamina D ridurrebbe il rischio di carcinoma cutaneo squamocellulare invasivo (Scc) ma non di carcinoma basocellulare (Bcc),

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Un nuovo marcatore promettente nella lotta contro il melanoma

Uno studio ha fatto emergere come i pazienti con alti livelli di Dna tumorale circolante (ctDna), un importante indicatore del cancro nel sangue, possano potenzialmente beneficiare di un trattamento più aggressivo come prima linea di difesa contro il melanoma.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia: la MMR parametro per prevedere la sopravvivenza

Una meta-analisi, pubblicata dalla rivista JAMA Oncology, mostra che nella leucemia mieloide acuta la presenza di malattia minima residua è correlata a una minore sopravvivenza libera da malattia e a una minore sopravvivenza globale.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica e sonno nei pazienti con artrite

Un nuovo studio ha esaminato i modelli di attività fisica 24 ore su 24 e il sonno tra i pazienti con artrite reumatoide, lupus e osteoartrite del ginocchio. Sono emersi quattro profili con differenze caratterizzate dal tempo trascorso a dormire.

By Popular Science