cookies

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Dermatite atopica: alterazioni lipidiche e microbioma della pelle

La composizione lipidica della pelle differisce in modo significativo tra i pazienti con dermatite atopica e i soggetti sani. A evidenziarlo è stato un team di ricercatori dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel, in Germania, guidati da Hila Emmert. Lo studio è stato pubblicato su Experimental Dermatology.

Secondo gli autori, la dermatite atopica è dovuta a un'interconnessione tra disfunzioni della barriera epidermica e disregolazioni immunitarie a livello cutaneo. Tra le complesse disfunzioni della barriera cutanea, sono state descritte anche le alterazioni nell'organizzazione lipidica e nella composizione del microbioma.

Per valutare questi aspetti, Emmert e colleghi hanno raccolto campioni da dieci adulti con dermatite atopica, con e senza mutazioni del gene della filaggrina, e dieci volontari sani. 

Dallo studio è stato evidenziato che le specie di ceramidi del tipo NS erano significativamente più elevate nei pazienti con dermatite atopica rispetto ai volontari sani ed erano anche più elevate nei pazienti con dermatite atopica e mutazione del gene della filaggrina rispetto a quelli senza mutazione.

Analizzando la correlazione delle alterazioni dei lipidi della pelle con il microbioma, inoltre, i ricercatori hanno visto che colonie di stafilococchi nella dermatite atopica sono correlate positivamente a sottospecie di ceramidi di tipo AS, ADS, NS e NDS.

Fonte: Experimental Dermatology

IT-NON-02887-W-09/2022

 

Le ultime notizie

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore del seno: da analisi geni DRG prognosi a tre e cinque anni

Un gruppo di ricercatori cinesi ha identificato otto geni correlati alla riparazione del Dna in grado di prevedere a tre e cinque anni la sopravvivenza nelle donne con tumore del seno

By Reuters Health News

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D e integrazione di calcio nel cancro alla pelle non melanoma

Secondo quanto suggerisce un recente studio. l'integrazione alimentare con il solo calcio o in combinazione con la vitamina D ridurrebbe il rischio di carcinoma cutaneo squamocellulare invasivo (Scc) ma non di carcinoma basocellulare (Bcc),

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Un nuovo marcatore promettente nella lotta contro il melanoma

Uno studio ha fatto emergere come i pazienti con alti livelli di Dna tumorale circolante (ctDna), un importante indicatore del cancro nel sangue, possano potenzialmente beneficiare di un trattamento più aggressivo come prima linea di difesa contro il melanoma.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia: la MMR parametro per prevedere la sopravvivenza

Una meta-analisi, pubblicata dalla rivista JAMA Oncology, mostra che nella leucemia mieloide acuta la presenza di malattia minima residua è correlata a una minore sopravvivenza libera da malattia e a una minore sopravvivenza globale.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica e sonno nei pazienti con artrite

Un nuovo studio ha esaminato i modelli di attività fisica 24 ore su 24 e il sonno tra i pazienti con artrite reumatoide, lupus e osteoartrite del ginocchio. Sono emersi quattro profili con differenze caratterizzate dal tempo trascorso a dormire.

By Popular Science