cookies

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Fattori predittivi della persistenza della dermatite atopica infantile

La dermatite atopica che si manifesta durante l'infanzia comprende tre endotipi immunologici e la persistenza della malattia può essere predetta usando citochine sieriche e variabili cliniche. È quanto hanno osservato Felix Lauffer, del Dipartimento di Dermatologia e Allergologia della Technical University di Monaco, in Germania, e colleghi, che hanno pubblicato i risultati della loro ricerca su Allergy.

Secondo gli autori, il 30% delle persone con dermatite atopica infantile sviluppa una malattia cronica o recidivante in adolescenza, una persistenza che però non può essere predetta. 

Per la ricerca, gli scienziati hanno analizzato il siero di 144 bambini con dermatite atopica, di età compresa tra 0 e 3 anni, valutando i livelli di IgE e 33 tra citochine, chemochine e fattori di crescita. Lauffer e colleghi hanno poi valutato in modo retrospettivo l'andamento della malattia nei bambini, fino all'età di sette anni.

I ricercatori tedeschi hanno così rilevato tre distinti endotipi di dermatite atopica infantile. I fattori associati alla persistenza della malattia erano l'indice SCORAD, il coinvolgimento degli arti, la distribuzione delle lesioni a livello delle pieghe della pelle all'età di 3 anni, la presenza di comorbidità allergiche e l'esacerbazione della malattia indotta da fattori quali stress, esposizione a polline e cambiamenti del tempo. La persistenza è stata predetta con una sensibilità dell'81,8% e una specificità dell'82,4% e i fattori con un alto impatto di predizione della persistenza erano SCORAD all'età di 3 anni, fattori scatenanti e bassi livelli di fattori di crescita dell'endotelio vascolare (VEGF).

Fonte: Allergy

IT-NON-02889-W-09/2022

 

Le ultime notizie

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore del seno: da analisi geni DRG prognosi a tre e cinque anni

Un gruppo di ricercatori cinesi ha identificato otto geni correlati alla riparazione del Dna in grado di prevedere a tre e cinque anni la sopravvivenza nelle donne con tumore del seno

By Reuters Health News

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D e integrazione di calcio nel cancro alla pelle non melanoma

Secondo quanto suggerisce un recente studio. l'integrazione alimentare con il solo calcio o in combinazione con la vitamina D ridurrebbe il rischio di carcinoma cutaneo squamocellulare invasivo (Scc) ma non di carcinoma basocellulare (Bcc),

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Un nuovo marcatore promettente nella lotta contro il melanoma

Uno studio ha fatto emergere come i pazienti con alti livelli di Dna tumorale circolante (ctDna), un importante indicatore del cancro nel sangue, possano potenzialmente beneficiare di un trattamento più aggressivo come prima linea di difesa contro il melanoma.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia: la MMR parametro per prevedere la sopravvivenza

Una meta-analisi, pubblicata dalla rivista JAMA Oncology, mostra che nella leucemia mieloide acuta la presenza di malattia minima residua è correlata a una minore sopravvivenza libera da malattia e a una minore sopravvivenza globale.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica e sonno nei pazienti con artrite

Un nuovo studio ha esaminato i modelli di attività fisica 24 ore su 24 e il sonno tra i pazienti con artrite reumatoide, lupus e osteoartrite del ginocchio. Sono emersi quattro profili con differenze caratterizzate dal tempo trascorso a dormire.

By Popular Science