cookies

18-09-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

OSA e maggior rischio di fratture vertebrali nelle donne

(Reuters Health) – Secondo nuovi risultati del Nurses’ Health Study (NHS), le donne con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno maggiori probabilità di riportare fratture vertebrali, mentre il rischio di frattura dell’anca non è significativamente superiore.

“Abbiamo scoperto un rischio doppio di fratture vertebrali in presenza di apnea ostruttiva del sonno nell’anamnesi”, osserva Julie M. Paik del Brigham and Women’s Hospital di Boston, autrice principale dello studio. “Abbiamo riscontrato anche che il rischio è ancora maggiore per le donne che durante il giorno accusano sonnolenza”.

Lo studio
Per indagare il rapporto tra OSA e salute delle ossa nelle donne, gli autori hanno esaminato oltre 55.000 partecipanti allo studio NHS che non avevano riportato alcuna frattura. Nel 2002, l’1,3% ha segnalato di aver ricevuto diagnosi di OSA, mentre nel 2012 tale percentuale è salita al 3,3%. Entro il 2014 sono stati documentati 461 casi incidenti di fratture vertebrali e 921 casi di fratture dell’anca.

Dopo l’aggiustamento, le donne con OSA presentavano il doppio delle probabilità di sviluppare fratture vertebrali (hazard ratio, 2,00; intervallo di confidenza al 95%, da 1,29 a 3,12), mentre il rischio per le donne con sonnolenza durante il giorno era quasi triplicato (HR, 2,86; IC 95%, da 1,31 a 6,21). La frattura dell’anca non è risultata associata a OSA, anche se l’intervallo di confidenza era ampio (HR, 0,83; IC 95%, da 0,49 a 1,43).

“Si possono ipotizzare diverse spiegazioni per questi risultati”, osservano i ricercatori. “Innanzitutto, l’ipossia può condurre a disfunzione endoteliale vascolare e angiogenesi alterata, che determina a sua volta una ridotta perfusione ossea e perdita ossea”. “In secondo luogo, l’acidosi che segue l’ipossia può avere effetti negativi sulle ossa. Terza ipotesi: la OSA si associa a frammentazione del sonno, che può alterare il sistema immunitario e amplificare le vie infiammatorie, aumentando il riassorbimento osseo e sopprimendo la formazione di osso. Quarta ipotesi; OSA e rischio di fratture potrebbero essere regolati dagli ormoni sessuali perché i fattori associati a una minore esposizione agli estrogeni (ad esempio, menopausa chirurgica versus naturale) sono stati correlati a un rischio aumentato di fratture. Infine, la OSA potrebbe aumentare il rischio di fratture a causa della maggiore probabilità di cadute dovute a un’eccessiva sonnolenza diurna, un sintomo chiave di OSA”.

Fonte: Journal of Bone and Mineral Research

IT-NON-02891-W-W09/2022

 

Le ultime notizie

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Tumore del seno: da analisi geni DRG prognosi a tre e cinque anni

Un gruppo di ricercatori cinesi ha identificato otto geni correlati alla riparazione del Dna in grado di prevedere a tre e cinque anni la sopravvivenza nelle donne con tumore del seno

By Reuters Health News

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Vitamina D e integrazione di calcio nel cancro alla pelle non melanoma

Secondo quanto suggerisce un recente studio. l'integrazione alimentare con il solo calcio o in combinazione con la vitamina D ridurrebbe il rischio di carcinoma cutaneo squamocellulare invasivo (Scc) ma non di carcinoma basocellulare (Bcc),

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Un nuovo marcatore promettente nella lotta contro il melanoma

Uno studio ha fatto emergere come i pazienti con alti livelli di Dna tumorale circolante (ctDna), un importante indicatore del cancro nel sangue, possano potenzialmente beneficiare di un trattamento più aggressivo come prima linea di difesa contro il melanoma.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Leucemia: la MMR parametro per prevedere la sopravvivenza

Una meta-analisi, pubblicata dalla rivista JAMA Oncology, mostra che nella leucemia mieloide acuta la presenza di malattia minima residua è correlata a una minore sopravvivenza libera da malattia e a una minore sopravvivenza globale.

By Popular Science

21-10-2020

TEMPO DI LETTURA 1 MIN

Attività fisica e sonno nei pazienti con artrite

Un nuovo studio ha esaminato i modelli di attività fisica 24 ore su 24 e il sonno tra i pazienti con artrite reumatoide, lupus e osteoartrite del ginocchio. Sono emersi quattro profili con differenze caratterizzate dal tempo trascorso a dormire.

By Popular Science